Mentre passeggi

Mentre passeggi

Se ti volerterai non mi vedrai, ma se chiudi occhi mi sentirai.
E sarà un istante, sarà un impressione calda, come questa notte in cui come il vento, ti accarezzo i capelli sciolti sulle tue spalle.
I brividi che partono dal tuo collo si irradiano sul tuo petto perché ricordi in miei baci e la pelle d’oca, ti turba.
Darai colpa alla brezza del lago, ma sai che il mio amore, sono come calde mani, capaci di abbracciarti da dietro. E ora che mi senti, rallenti i tuoi passi e aspetti tra respiri sempre più lunghi, perché ora sei tu a cercarmi con la voglia di volermi.

ARberto

Precedente Un abbraccio agli innamorati persi Successivo Tango di lingue

Lascia un commento

*