Volando su te

Volando su te.

Seduto sulla mia sponda del lago, resterò li assorto,  a guardare le increspature dell’acqua tra i rumori  che mi sono accanto, gli unici a farmi compagnia.
Ripenso a quante risate perse tra le lenzuola ormai piatte, a quanti momenti che non potranno piu tornare. Difficile situazione da gestire, quando penso che in questo momento, sta passando un aereo appena partito ed è sopra i tuoi pensieri. In quell’attimo è come se ti vedessi, mentre tu presa nella tua vita non immagini, che io sia sempre vicino a te . Vorrei toccarti, rivedere il tuo sorriso ma la vita a volte è proprio strana, unisce divide e separa. Ne restano comunque dei segni, indelebili cicatrici
che senti con la sensibilità che si ha dentro, come se al tatto di un vestito in velluto, si sentisse una cucitura che interrompe la continuazione del piacere di toccare il morbido .
Mi restano solo immagini di te con la sensazione di poterti sfiorare ancora il viso mentre dai tuoi occhi non vedo più quella luce che mi rifletteva. Ora devo staccare le mie dita dal tuo viso per toccare il mio segnato da qualche lacrima fuggita dai miei segreti.
La colpa non esiste, ma ognuno pensa alla sua direzione.
Forse non ho potuto raccontarti di me e io non potuto fare ameno di guardare la tua assenza perché non capivo se il tuo cuore era nella parte giusta, ma le cose cambiano improvvisamente.

 

Precedente Aria nuova Successivo La forza che da l'amore

Lascia un commento

*